Contattaci
Category

Senza categoria

Home / Senza categoria
vini preferiti turisti italia
Senza categoria

Quali sono i vini italiani più amati dai turisti?

Quali sono i vini più amati dai turisti in Italia? Una rapida carrellata alla scoperta dei tipi di vino più ricercati dal pubblico straniero.


Sono circa 62 milioni i turisti stranieri che ogni anno si recano in Italia per scoprire le bellezze del Bel Paese. Un flusso sempre più numeroso che, tra una visita a monumenti e siti ricettivi, registra inoltre un notevole incremento in termini di consumo di eccellenze gastronomiche e enoiche.

Proprio il vino, in particolare, sembra essere il motore trainante di questa rivoluzione, con 73 milioni di bottiglie vendute a turisti registrate nel 2018, 3 milioni in più rispetto alle stime dell’anno precedente. A dirlo sono i dati IRI dell’Osservatorio Vinitaly 2018, che stima una vendita di 352 milioni di ettolitri in Italia.

A dare man forte a questo studio è l’agenzia di comunicazione Klaus Devi & Co., che proprio al Vinitaly 2018 ha presentato un rapporto elaborato su un campione di 500 turisti stranieri tra i 21 e i 50 anni intervistati in Italia.

Perché gli stranieri amano il vino italiano

Molti imprenditori e players presenti al Vinitaly 2018, da Massimo Poloni di Valdo Spumanti, a Roberta Corrà, Direttrice Generale del Gruppo Italiano Vini, sembrano concordi nel trovare le ragioni di questo successo negli investimenti in promozione, ricerca e sperimentazioni che hanno caratterizzato il settore enoico italiano negli ultimi anni.

Molto del successo, però, è ancora decretato dall’immaginario che l’Italia ha saputo costruzione in anni (per non dire secoli) di produzione vinicola. Uno storytelling che lega a doppio filo il rapporto delle cantine con la storia del territorio in cui operano, da sempre in grado di raccontare le emozioni presenti in ogni bottiglia.

Allo stesso tempo è obbligatorio tenere conto delle dinamiche e novità di mercato, che giocano ogni giorno un ruolo determinate nel decretare alti e bassi di vendita e produzione. Dallo stop al vino georgiano da parte della Russia alle recenti polemiche tra USA e Francia, che hanno decretato un notevole disincentivo da parte delle aziende europee negli investimenti negli States.

Fino ai sempre nuovi sviluppi della questione Brexit, che potrebbe far lievitare i dazi doganali per l’importazione di prodotti stranieri anche in Gran Bretagna.

I vini italiani più amati dagli stranieri: dati di settore

Lo studio evidenzia come il dato sia in crescita esponenziale, con un +6,5% di bottiglie vendute online nel primo trimestre 2018 rispetto all’anno precedente. Parallelamente parlano le stime di consumo degli stranieri in visita nelle regioni italiane.

Dei quasi 352 milioni di litri di vino DOC e DOCG consumati nel 2017 in Italia, pari circa a 469 milioni di bottiglie da 0,750 litri, 70 milioni di queste bottiglie sono state consumate da stranieri presenti in Italia.

Tra i Paesi più interessati ai vini italiani (e ad esperienze di enoturismo) troviamo in testa la Germania, seguita da Stati Uniti, Francia, Inghilterra, Svizzera.

TI PIACE QUESTO BLOG?
Concordo che i dati forniti siano gestiti da Esploravino nel rispetto delle norme della Privacy MailChimp ( più info )
Non perdere neppure un articolo! Iscriviti alla newsletter e troverai nella tua email, ogni 30 giorni, tutti i nuovi articoli. Niente robaccia, promesso!
Okay, odiamo anche noi lo spam. Per questo la tua email non sarà condivisa con terze parti.

I numeri del vino in Italia parlano anche di un nuovo segmento di settore, che vede un sempre maggiore interesse anche da parte di mercati emergenti come Cina, Giappone e America Latina, con il Brasile in testa. Un aspetto probabilmente dovuto ai sempre maggiori investimenti di settore dovuti a finanziamenti come il Paesi Terzi dell’OCM Vino.

I vini italiani più amati dagli stranieri: tipi di vini e aziende

Analizzando lo studio più nello specifico è possibile approfondire con maggior precisione tipologie e etichette di vini italiani che, più di altri, hanno saputo emergere e conquistare il cuore dei turisti stranieri.

Capeggia il Chianti, con la cantina San Giusto a Rentennaro (19% degli intervistati), a conferma di come, per gli stranieri, la Toscana costituisca ancora il caposaldo del vino italiano.

Segue ancora la Toscana, con il Brunello dell’azienda Soldera Case Base (17%), marcato a stretto giro dal Prosecco di Bianca Vigna (16%). Un dato in perfetta simmetria con il crescente successo delle bollicine italiane da qualche anno a questa parte.

Completano la classifica il Passito Bukkuram, il Franciacorta Cà Del Bosco e Barolo e Barbaresco, il primo della Monfortino e il secondo di Bruno Giacosa.

Il DOC Bolgheri si piazza in ottava posizione, con quello della cantina Ornellaia, e chiudono le fila l’Aglianico Radici e il Sagrantino Caprai.

Grandi assenti Montepulciano, Nebbiolo e soprattutto i vini di Puglia, tra le regioni italiane più attive per produzione e commercializzazione all’estero di vino, ma completamente estranee alla lista stilata dalla nota agenzia.

Influencer di vini italiani: cosa dicono gli esperti

Non sono mancati commenti, analisi e, perché no, critiche allo studio di settore avanzato dalla Klaus Devi. Il popolare chef italiano Carlo Cracco, ex giudice di Masterchef e tra i più noti cuochi italiani al pubblico straniero, conferma in qualche modo i risultati dello studio.

Concorde nell’affermare che turisti americani e asiatici siano tra i più interessati intenditori di vini italiani, fa’ notare come, al di là dei grandi vini, sia interessante sottolineare l’escalation dei vini “Tripla A” e cosiddetti “naturali”.

Davide Oldani incentra il focus in particolare sugli asiatici: “Gli asiatici sono attirati maggiormente dai rossi importanti e strutturati che hanno un nome altisonante. Alla fine però si trovano meglio con vini più leggeri e scoprono di preferire un vino più fresco e più facile, anche tra i bianchi“.

Gianfranco Vissani sostiene che: “I turisti stranieri sono alla ricerca di una cucina più regionale e oggi sono più attenti al prezzo. Preferiscono i vini dinamici, di poca legnosità della botte e privi di eccessiva forza”.

Scegli i migliori vini per la tua attività ricettiva

Se sei titolare di un ristorante o un hotel saprai certamente quanto i turisti, più di altri, siano interessati a scoprire il nostro Paese soprattutto attraverso i suoi sapori. Per questa ragione, nella scelta dei vini da inserire nella carta del locale, sarà fondamentale rivolgersi anche a questo segmento di pubblico.

La selezione perfetta deve tener conto di più parametri:

  • prezzo / qualità;
  • riconoscibilità;
  • territorio;
  • abbinamento con il menù.

Se hai bisogno di aiuto nella scelta dei migliori vini per il tuo ristorante contatta gli esperti di Esploravino: l’azienda di vendita e distribuzione vini per ristoranti con un grande assortimento di etichette italiane e internazionali.

Esploravino offre ai suoi clienti servizi esclusivi, come la possibilità di fare reso e prendere le bottiglie in conto deposito, pagando solo per quelle effettivamente vendute! Inoltre, Esploravino ti segue nella selezione delle etichette più in linea con il tuo menù, offrendoti un servizio di consulenza professionale, sviluppato in anni di lavoro nel settore enoico.

Scrivici ora compilando il form nella sezione contatti del sito.

fornitore vino ristorante
Senza categoria

Come scegliere i fornitori di vino per il tuo ristorante

Il fornitore di vino è, o dovrebbe essere, un amico fidato, al quale delegare un aspetto molto importante del tuo lavoro di ristoratore: consulenza e consegna del vino da servire. La scelta del fornitore di vino per il proprio locale dovrebbe quindi passare una selezione accurata e scrupolosa. Ecco qualche consiglio per scegliere al meglio.


Il settore Ho.Re.Ca. abbonda di professionisti del vino. O meglio, di presunti professionisti. Non è raro, infatti, che ristoratori o proprietari di bar e locali notturni si affidino a rappresentanti di vino bravissimi a presentarsi, ma non in grado di offrire un servizio realmente utile.

Nella ristorazione, la scelta del vino non è una semplice questione di prezzo. Se la stessa bottiglia è venduta a costo diverso da due diversi fornitori di vini un motivo c’è sempre. Certo, il primo potrebbe aver strappato un prezzo migliore alla cantina, magari a fronte di un ordine più corposo rispetto al suo concorrente, ma potrebbero esserci altre ragioni.

Diciamo che, come recita un vecchio adagio della politica italiana, “a pensar male si fa’ peccato, ma spesso ci si azzecca”. Troppe sono infatti le storie di titolari di locali affidatisi ad imprese di distribuzione o rappresentanti di vino poco affidabili, che si sono ritrovati a piedi da un giorno all’altro.

Quando è andata “bene”, semplicemente restando senza prodotto. Nei casi più gravi anche con il peso di fatture saldate senza mai aver ricevuto la merce, impossibilitati a rendere il prodotto o afflitti da contenziosi da risolvere nell’aula di un tribunale.

TI PIACE QUESTO BLOG?
Concordo che i dati forniti siano gestiti da Esploravino nel rispetto delle norme della Privacy MailChimp ( più info )
Non perdere neppure un articolo! Iscriviti alla newsletter e troverai nella tua email, ogni 30 giorni, tutti i nuovi articoli. Niente robaccia, promesso!
Okay, odiamo anche noi lo spam. Per questo la tua email non sarà condivisa con terze parti.

Quante ne conosci? Se sei gestore di un locale, o stai per aprire un tuo ristorante e ti stai chiedendo come scegliere un fornitore di vino affidabile e sicuro ecco una lista di aspetti da valutare sempre con cura, prima di stringere la mano al tuo nuovo partner commerciale per firmare il contratto.

Condizioni di reso, consegna e pagamento

La possibilità di rendere le bottiglie invendute non è un’opzione contemplata da molte ditte fornitrici o rappresentanti di vini. Una volta pagata la merce, tanti saluti: il problema è tutto del cliente.

Sono pochissime le aziende che offrono un servizio di reso di vino, meno ancora quelle che prevedono il conto vendita ritirando le bottiglie invendute dal ristorante senza costi per il proprietario. Benefit che solo un numero esiguo di fornitori, ben strutturati e con una solida rete vendita alla base, come Esploravino, sono in grado di offrire.

Altri aspetti fondamentali da valutare sono quelli rappresentati dalle condizioni di consegna e ritiro, pagamento, consulenza e altri servizi accessori, come comodato d’uso di cantinette a temperatura controllata per lo stoccaggio delle bottiglie. Scegliere un fornitore di vino non significa trovare un semplice corriere con un buon assortimento di bottiglia, che possa consegnarti il prodotto.

Significa scegliere un partner in grado di affiancarti nella tua avventura imprenditoriale, sostenerti nella scelta dei vini più adatti alla tua cucina e garantirti sempre un servizio professionale e impeccabile, venendo incontro alle tue esigenze. In base alla disponibilità in termini di spazio del magazzino del tuo ristorante potresti, per esempio, aver bisogno di effettuare piccoli ordini in modo frequente.

O ancora, potrebbe capitarti di restare “scoperto” per una sera, magari dopo una vendita straordinaria nei giorni precedenti, o anche per una semplice dimenticanza. Assicurati che il tuo nuovo fornitore sia dotato di una rete di distribuzione in grado di far fronte ad ogni evenienza, rispondendo rapidamente e in modo chiaro per risolvere gli imprevisti che in questo lavoro sono all’ordine del giorno.

Scelta fornitore di vini: affidabilità, solidità, comunicazione

Tre valori imprescindibili nella scelta del tuo fornitore. L’affidabilità è al primo posto, e puoi trovare riscontri in molti modi. Cerca informazioni online in merito al servizio effettuato o, se conosci altri clienti del fornitore, chiedi a loro opinioni in merito alla puntualità di consegna, alla fatturazione, alla tempestività nel risolvere un problema.

Prezzo e qualità dei prodotti non sono niente senza il 100% di fiducia.

Verificare la solidità economica del fornitore, invece, ti permette di evitare le mine vaganti. Chi manca di assortimento, è irregolare nella fatturazione o fattura in modo diverso dall’ordinario, effettua prezzi troppo convenienti per prodotti in stock e simile potrebbe potenzialmente saltare da un momento all’altro. Fidarti troppo significa rischiare di saltare con lui. Non credo tu voglia esporti a tanto.

La serietà di un partner commerciale si basa sui dettagli: la sua presentazione, la sua rete di contatti, chi sono i suoi clienti, la professionalità della sua presenza online e del suo servizio clienti. Non sottovalutare questi aspetti.

Prova Esploravino: il fornitore di vini perfetto per il tuo ristorante

Con una solida rete commerciale e un network di cantine, mediatori e consulenti operanti nel settore enoico, Esploravino è tra le principali aziende di fornitura vini per la ristorazione.

Un servizio completo che inizia dalla consulenza in merito delle migliori etichette italiane e internazionali da inserire nella carta del locale, selezionate da un ampio assortimento di bottiglie.

Consegne sempre puntuali, grazie ad una rete di distribuzione strutturata e sicura, il cui servizio prevede, inoltre, il reso di bottiglie invendute cedute in conto vendita al ristorante. La possibilità di reso è possibile proprio grazie al grande network di operatori di settore partner di Esploravino, che consente di reimmettere le bottiglie in un circuito commerciale, all’interno del quale verranno smaltite.

Chiedi maggiori informazioni sui nostri servizi scrivendo al servizio clienti Esploravino, il partner ideale per la fornitura di vino del tuo ristorante!

hotel vino
Senza categoria

Hotel del vino: quali sono i migliori nel mondo?

Quali hotel offrono la migliore selezione di vini? Quali le esperienze enoturistiche più accattivanti? Un piccolo viaggio tra le migliori strutture per amanti del vino.


Eccentrici, originali, talvolta stravaganti, ma tutti accomunati da un solo, imprescindibile elemento: il vino. Dopo l’articolo sui migliori ristoranti per amanti del vino continua il nostro viaggio, questa volta sul mondo degli hotel.

Cresce il trend degli hotel del vino in Italia e nel mondo, grazie anche alla sempre maggiore popolarità del settore e del trend enoturistico, in grado di creare il giusto mix tra vacanza avventurosa, cultura e riscoperta di territori autentici. L’Italia vanta ben 176 DOC e circa 477 vini. Un dato che lascia presagire la spontanea vocazione del nostro Paese per gli amanti dell’enoturismo, la cui presenza cresce ogni anno, di pari passo con alberghi e strutture ricettive orientate su questo settore.

Dagli alberghi con servizio in camera esclusivo, come il Casa Madrona Hotel & Spa, a quelli più “emozionali”, come il Rifugio Borgo San Felice di Siena, relais con azienda agricola annessa che offre pacchetti immersivi e tour nel mondo della produzione enoica.

Vediamo allora insieme alcuni dei più interessanti hotel del vino in Italia e all’estero, selezionati in base a servizio, selezione di etichette e esperienze enoturistiche.

TI PIACE QUESTO BLOG?
Concordo che i dati forniti siano gestiti da Esploravino nel rispetto delle norme della Privacy MailChimp ( più info )
Non perdere neppure un articolo! Iscriviti alla newsletter e troverai nella tua email, ogni 30 giorni, tutti i nuovi articoli. Niente robaccia, promesso!
Okay, odiamo anche noi lo spam. Per questo la tua email non sarà condivisa con terze parti.

Hotel Canon d’Oro, Conegliano Veneto (TV)

La popolarità del prosecco a livello internazionale ha portato alla ribalta anche tutta la zona della sua filiera in termini di enoturismo. I pacchetti turistici alla scoperta di questi vini viaggiano sulla Strada del Prosecco e Vini dei Colli, un percorso che si snoda tra Conegliano Veneto e le colline di Valdobbiadene.

È in questo contesto che l’Hotel Canon d’Oro si pone come struttura di riferimento nella zona di Conegliano per gli esploratori del prosecco, tra eventi, mostre, didattica e iniziative legate ai sapori autentici del territorio e alla loro scoperta.

Castello di Razzano, Alfiano Natta (AL)

Un’autentica oasi nella caratteristica cornice del Monferrato , nella quale si ha l’occasione di degustare etichette prodotte nei 40 ettari di pertinenza della struttura, coltivati secondo tecniche tradizionali del territorio.

Hotel Giò Wine & Jazz, Perugia

Con una disponibilità di ben 130 camere e un caveau da 4.000 bottiglie di oltre 1.000 diverse etichette, questo hotel è un vero e proprio punto di riferimento per gli amanti del vino nel mondo.

Buona musica, degustazioni e appuntamenti imperdibili, in un contesto ricettivo orientato a tutto tondo sul vino e la sua filiera.

L’Albereta, Erbusco (BS)

Un resort 5 stelle nel cuore della Franciacorta, con 61 ettari di terreno adibiti in gran parte alla coltura di vitigni autoctoni. Completano la struttura un ristorante / pizzeria con vista panoramica sul lago d’Iseo, una SPA in cui è possibile seguire un percorso benessere a base di vino e un’esposizione permanente di 13 sculture d’arte contemporanea.

Il tutto, naturalmente, affiancato da una foresteria con letti a baldacchino, realizzata in perfetto stile nordico. Un vero gioiellino.

Yeatman Hotel, Oporto (Portogallo)

Voliamo in Europa, nella zona di Oporto, dove la coltura della vite è strettamente legata a antichi terrazzamenti ancora oggi rappresentativi del paesaggio locale.

Qui troviamo lo Yeatman Hotel, albergo del vino con tanto di piscina a forma di decanter e centro benessere con trattamenti a base di uve. Le cantine dell’albergo ospitano circa 25.000 bottiglie di altrettante diverse etichette, tra le quali spiccano rinomati vini portoghesi di ieri e di oggi. Non a caso le 82 camere della struttura sono intitolate alle più importanti cantine vinicole del Paese.

La Bastide de Marie, Menerbes (Francia)

Si tratta di uno degli hotel più rinomati per visitare il Parco Nazionale del Luberon, tra Gordes e Bonnieux: 15 ettari di vigneti autoctoni circondano le sale del famoso ristorante condotto dallo chef Gerod Potron, in cui non è il vino a completare il sapore dei piatti, ma viceversa.

Punto di forza del locale è, infatti, la carta dei vini, con una particolare selezione di rosè, studiata alla perfezione.

Se hai un hotel o un ristorante prova Esploravino!

Con una rete partner operanti nella ristorazione e nella ricettività, Esploravino è l’innovativo servizio che ti garantisce un’ottima e sempre nuova selezione di vini per il tuo locale, in conto vendita e senza spese di reso!

Scopri i nostri servizi e contattaci per avere maggiori informazioni su come accedere agli incredibili vantaggi di Esploravino!

1 2 3
Impostazioni sulla privacy
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza mentre utilizzi il nostro sito web. Se stai utilizzando i nostri Servizi tramite un browser, puoi limitare, bloccare o rimuovere i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser web. Usiamo anche contenuti e script di terze parti che possono utilizzare le tecnologie di tracciamento. È possibile fornire in modo selettivo il proprio consenso di seguito per consentire tali incorporamenti di terze parti. Per informazioni complete sui cookie che utilizziamo, i dati che raccogliamo e su come li elaboriamo, si prega di consultare il nostro Privacy Policy
Youtube
Consenso per visualizzare il contenuto da - Youtube
Vimeo
Consenso per visualizzare il contenuto da - Vimeo
Google Maps
Consenso per visualizzare il contenuto da - Google
Spotify
Consenso per visualizzare il contenuto da - Spotify
Sound Cloud
Consenso per visualizzare il contenuto da - Sound