★ Sei un wine lover? Entra nel Social Club

ricette cocktail a base di prosecco
Horeca, Winelovers

Cocktail a base di Prosecco veloci e facili da preparare

Il Prosecco è senza dubbio tra i vini italiani più celebri e gettonati, nel Bel Paese come all’estero. Purtroppo, quello appena trascorso non è stato un anno particolarmente felice per questo e altri vini frizzanti, che hanno perso considerevoli fette di mercato a causa della pandemia. Un vero e proprio sintomo di come ci sia stato ben poco da festeggiare in quest’ultimo biennio, e davvero pochissime occasioni di trascorrere qualche ore in compagnia di amici e parenti per un buon aperitivo insieme.

Tuttavia, la bella stagione in arrivo sembra essere iniziata con il piede giusto, con le riaperture, seppur parziali, di bar e ristoranti e tanta voglia di tornare finalmente alla normalità dopo le chiusure invernali e primaverili. Un’occasione da festeggiare stappando un buon vino frizzante, con l’augurio di una ripartenza col…botto!

Dopo aver compreso le differenze tra spumante, Prosecco, Franciacorta, Champagne e altri vini frizzanti, e dopo una guida ai migliori cocktail a base di vino da provare, ecco una rapida carrellata di cocktail a base di Prosecco per dare un tocco di brio ai tuoi aperitivi estivi.

German Spritz: lo spritz alla birra più popolare del momento

Nato in Germania all’inizio dell’800 ma mai divenuto molto popolare in Italia, dove la naturale evoluzione del vino rosso con gazzosa è stato lo Spritz tradizionale.

Essendo tedeschi, non potevano non aggiungervi un tocco di birra, meglio se Weizen, che unita a Prosecco, Select, ghiaccio e una fettina di arancia rende questo drink davvero gustoso e dissetante.

Proporzioni: 4 cl di Prosecco, 3 cl di Select, 5 cl di birra Weizen, una fettina d’arancia. Servire in un calice svasato riempito con ghiaccio, mescolando delicatamente prima dell’assaggio.

Cocktail Prosecco e Lemon: il drink estivo per eccellenza

Il nome corretto di questo cocktail sarebbe Lemon Sherbet Fizz, ma in pochi si sbilancerebbero per chiederlo al bancone. Più conosciuto come Prosecco Lemon o “Sorbetto al Prosecco”, costituisce il drink estivo e dissetante per antonomasia a base di cetriolo, lime, prosecco e basilico a guarnizione, a formare una sorta di sorbetto al limone vagamente alcolico, perfetto per cucina di pesce, aperitivi delicati ma anche fresco cocktail dell’estate da sorseggiare in spiaggia.

Una ricetta originale e sempre in grado di colpire, per rilanciare la tua cocktail list con una proposta accattivante e in grado di incuriosire.

Negroni sbagliato, o Negroni al Prosecco

Particolarmente diffuso nel Triveneto ma sconosciuto nel resto d’Italia, questo cocktail è stato lanciato negli anni ’60 dal famoso bartender Mirko Stocchetto. Come suggerisce il nome, si tratta di un Negroni atipico” e più leggero, dove il Prosecco prende il posto del gin accanto a Vermouth rosso e Campari.

Una proposta in linea con l’attuale predilezione del pubblico per i soft drink, di gradazione alcolica più bassa ma altrettanto gustosi.

Fujiyama Doc: il Prosecco “alla Giapponese” perfetto per il sushi

La cultura italiana e quella nipponica si uniscono in questo cocktail al tè verde di ispirazione orientale. Il suo inventore è il bartender Hiroaki Nagashima, che alternando ingredienti complessi e originali è riuscito nella creazione di un drink unico e inimitabile.

  • 2 cl Campari
  • 1,5 cl Tè verde preparato con la moka
  • 2 cl Succo di mandarino
  • 1 cl Grappa
  • 4,5 cl Prosecco

Riesci a pensare come unirli tutti in un drink? Nagashima lo ha fatto, shekerandoli tutti con abbondante ghiaccio e servendoli in una tazza da tè in terracotta, guarniti con fiori di shiso. Forse il cocktail più indicato in assoluto per accompagnare sushi e sashimi.

Prosecco alla pesca o Bellini

Il bartender Giuseppe Cipriani rese celebre questo cocktail servendolo all’inizio degli anni ’50 al bancone dello storico Harry’s Bar di Venezia. La ricetta originale prevedeva l’impiego di purea di pesca Igp di Verona, ma nel tempo diverse versioni di questo drink sono state realizzate anche a base di altri frutti.

La preparazione può essere effettuata direttamente nel bicchiere, mescolando tra loro 10 cl di Prosecco e 5 cl di purea di pesca.

Scopri i migliori Prosecchi e vini italiani su Esploravino!

Esploravino è l’innovativo servizio di distribuzione vini per privati e professionisti della ristorazione / somministrazione che ti garantisce sempre le migliori etichette italiane e al prezzo più concorrenziale sul mercato!

Se sei un wine lover

Prova il Social Club di Esploravino, per scoprire ogni mese le nostre migliori proposte di vini da ricevere comodamente a casa tua, senza condizioni particolari o obbligo di acquisto: paghi solo ciò che desideri acquistare!

Se sei un ristoratore

Scopri i nostri servizi di distribuzione vini in conto vendita per il settore Horeca, con possibilità di reso gratuito di invenduti senza condizioni. Contattaci oggi per richiedere la visita di un nostro referente nella tua zona!

sushi e vino
Horeca, Winelovers

Quali vini abbinare al sushi

Il sushi è in assoluto il piatto-rivelazione degli ultimi anni. Il celebre pesce crudo giapponese, dal sapore esotico, agrodolce e arricchito da salse e ingredienti sempre più elaborati, ha ormai perso tutto o quasi della millenaria veste tradizionale con la quale è da sempre conosciuto in Giappone, ma ha conquistato il mondo.

Il nuovo sushi è infatti sempre più spesso frutto di ricette fusion, che niente o poco hanno a che fare con quelle originali, ma il pubblico sembra non badarci (anzi gradire) e dove c’è gusto – si sa – non c’è perdenza.

Lo sanno bene i professionisti del mondo horeca, non solo specializzati in cucina orientale, che proprio sul sushi sono riusciti in questi anni a costruire solide strategie commerciali rivisitando nigiri, hosomaki, uramaki, futomaki, temaki, chirashi, gunkan e sashimi in chiave gourmet e, soprattutto, delivery.

Non a caso, proprio il sushi è stato la pietanza più ordinata a domicilio nel 2020, anno nero della pandemia, e non solo da giovani e giovanissimi. Secondo un’indagine condotta da Nielsen, ben un italiano su due dichiara di consumarlo regolarmente, fuori casa ma soprattutto a domicilio, in particolare durante la pausa pranzo in questi lunghi mesi di smart working.

E a popolare le fila dei sushi-lover troviamo, subito dopo i teenager, la generazione dei millennials, ovvero trenta-quarantenni, nati a cavallo tra gli anni ottanta e i primi del 2000. Una generazione che ha anche un altro primato enogastronomico, nel Bel Paese ma anche nel resto d’Europa: è, infatti, la prima per consumo di vino e conoscenza dell’argomento.

Vediamo allora di coniugare queste due passioni con un breve articolo sui migliori abbinamenti tra sushi e vini.

Differenze tra sushi e sashimi

Prima di iniziare è importante capire la differenza tra sushi e sashimi e tra le altre varietà di sushi (nigiri, hosomaki, uramaki e simili).

A differenza del sashimi, preparato esclusivamente con l’impiego di pesce crudo, il sushi può prevederne anche di cotto (come nel caso degli apprezzatissimi gamberetti in tempura) o, addirittura, non contenere pesce, come nel caso del sushi vegetariano.

Gli altri stili e varianti di sushi tipici della cultura giapponese sono, inoltre:

Nigiri

Si tratta della variante più comune in quanto veloce e pratica da preparare. Nota in Giappone anche come Azusushi, questo stile di sushi prevede solitamente una porzione di riso compattato accompagnata da pesce crudo. I tagli più utilizzati sono ricciola, branzino, pesce spada, tonno, salmone, gamberi, calamari, polpo, sardine e frutti di mare. Tuttavia, in alternativa, può contenere anche carne, uova fritte e verdure locali, come germogli di bambù.

Uramaki

È, per così dire, il sushi più conosciuto, ovvero il classico rotolino di riso contenente pesce crudo e altri ingredienti. L’esterno è solitamente guarnito con semi di sesamo o uova di pesce, mentre all’interno è possibile trovare anche frutta, verdure o salse in accompagnamento con il pesce. È il caso degli Uramaki California, a base di gamberi, avocado e maionese.

Molto simili sono il sushi Hosomaki e Futomaki: rotolini di riso contraddistinti dalla caratteristica alga che li avvolge all’esterno.

Onigiri

Polpette di riso di forma triangolare, vagamente simili alle “arancine” siciliane, ma ovviamente senza panatura esterna. In Giappone è considerato una sorta di street food, abbastanza diffuso e comune in tutte le province.

Vini da abbinare al sushi: non solo bianchi

L’introduzione alle diverse varianti di sushi e sashimi appena illustrate era necessaria per comprendere meglio gli abbinamenti con il vino. Il sushi, come abbiamo visto, non è infatti preparato con una sola varietà di pesce, ed è quindi importante innanzitutto capire cosa c’è nel nostro sushi per essere sicuri di abbinarlo con il vino giusto.

In termini di abbinamento, questa distinzione è essenziale, perché la tipologia di vino cambierà se il sushi o sashimi è a base di tonno, salmone, gamberi, ricci, sardine, branzino o pesce spada. Inoltre, a fare la differenza saranno gli altri ingredienti, come frutta, verdura e, soprattutto le salse.

Andarci piano con miso, salsa di soia e wasabi dovrebbe essere scontato per non annullare completamente l’abbinamento con il vino scelto per accompagnare il sushi (nonché il sapore del sushi stesso). Detto questo, vediamo quali vini si prestano meglio all’abbinamento.

Vini Bianchi

Per i classici hosomaki al salmone o altre varietà di pesce rosso è possibile iniziare dalle bollicine. Con un Franciacorta, un Prosecco, un Arneis o anche uno Chardonnay difficilmente potrai sbagliare.

Per un abbinamento più complesso possiamo spostarci su bianchi fermi di carattere sempre lieve e delicato, come un Pinot Bianco, Riesling, Malvasia o Sauvignon Blanc.

Nel caso di sapori più decisi e strutturati, a base di sardine salate, pesce spada o salse, meglio prediligere bianchi di buon corpo, come Verdicchio, Vermentino, Trebbiano, Aglianico, Falanghina, Fiano o Ribolla.

Per una serata speciale a base di sushi non può mancare un perfetto quanto scenico Franciacorta Satén nel cestello del ghiaccio o uno dei nostri migliori vini bianchi sotto i 20€ da non perdere.

Vini Rosati

In Francia, dove la cultura del rosato è storicamente molto più diffusa che in Italia, questo vino considerato alla stregua dei bianchi in abbinamento con il pesce. Perfetti per accompagnare sushi a base di tonno, salmone, branzino o pesce spada sono Etna Rosato Doc, un Franciacorta Rosato o un classico Cerasuolo Abruzzese.

Per un abbinamento originale puoi provare con un Lambrusco rosato, cioè vinificato in bianco, dalle note fruttate accompagnate dalla gradevolezza delle bollicine.

Se cerchi qualche consiglio su vini rosati italiani da non perdere, ecco un articolo che fa al caso tuo.

Vini Rossi

Vino rosso con il pesce? No, non è un peccato mortale. Abbinamenti in tal senso sono ottimi e già ampiamente sdoganati, come nel caso di Chianti Classico abbinati a zuppe di mare o del Verdicchio dei Castelli per accompagnare i caratteristici brodetti della costiera adriatica.

Certo, si tratta per lo più di zuppe e per la gran parte di vini giovani, con possibilità di essere serviti a temperature di qualche grado più basse rispetto a rossi più strutturati.

Questo consiglio è utile per iniziare ad orientarsi nella scelta dei migliori vini rossi da abbinare al sushi. D’altronde, non è poi così abissale la differenza tra una tartare di tonno o salmone e del sashimi, ed entrambi sposano bene le note di rossi giovani come Brachetto, Tintilia, Frappato ragusano o Sangiovese.

Nella scelta del sushi, meglio prediligere tipologie complesse, condite da salse come la guacamole, maionese o miso e a base di ingredienti dai sapori più decisi, come tonno, pesce, spada, uova sode o fritte, alghe e spezie.

Se cerchi i migliori vini al giusto prezzo prova Esploravino!

Esploravino è l’innovativo servizio di distribuzione vini per privati e professionisti della ristorazione / somministrazione che ti garantisce sempre le migliori etichette italiane e al prezzo più concorrenziale sul mercato!

Se sei un wine lover

Prova il Social Club di Esploravino, per scoprire ogni mese le nostre migliori proposte di vini da ricevere comodamente a casa tua, senza condizioni particolari o obbligo di acquisto: paghi solo ciò che desideri acquistare!

Se sei un ristoratore

Scopri i nostri servizi di distribuzione vini in conto vendita per il settore Horeca, con possibilità di reso gratuito di invenduti senza condizioni. Contattaci oggi per richiedere la visita di un nostro referente nella tua zona!

podcast vino
Horeca, Winelovers

10 podcast sul vino da non perdere (per professionisti e non)

Divertenti, interessanti e soprattutto on demand, cioè da ascoltare quando vuoi. I podcast ormai fanno parte della nostra quotidianità. Un format diffuso e molto gettonato che ha, di fatto, sostituito la radio imponendosi come trend versatile, multicanale e libero.

Libero proprio come lo erano le celebri emittenti radiofoniche anni ’70, grazie alle quali era possibile ascoltare pareri sui più disparati argomenti, anche quelli meno mainstream, che solitamente non passano dai canali ufficiali.

Il podcast è nato sulla scia di questo sentimento, con un obiettivo ben preciso: informare gli ascoltatori sui più disparati argomenti, non necessariamente attraverso un linguaggio “giornalistico”, ma personalizzato in base alle al tone-of-voice dei suoi autori.

Il vino non fa eccezione, con diversi podcast incentrati sull’argomento, dai più didattici a quelli più professionali, rivolti ad addetti ai lavori.

Interessanti e comodi da seguire, anche durante le faccende di casa o gli spostamenti, i podcast sul vino sono sempre una buona occasione per imparare sempre qualcosa in più su un mondo, come quello della filiera enologica, davvero complesso e eterogeneo.

Grazie alle molteplici piattaforme e applicazioni per l’ascolto in streaming, inoltre, la fruizione di podcast è oggi gratuita e accessibile a tutti. Motivo in più per non perderli. Vediamo allora alcuni tra i più famosi podcast sul vino in Italia, imperdibili per ristoratori, produttori o anche semplici amanti del calice!

1 – Vino sul divano

Si rivolge a: tutti

Programma pungente e approfondito di Jacopo Cossater, giornalista, sommelier e redattore di Intravino e Linkiesta. Il ciclo di puntate, della durata di 30 minuti ciascuna, sono dedicate per metà a produttori e per l’altra a professionisti e operatori di settore.

[Ascoltalo su Spotify, Apple Podcast e Spreaker]

2 – VinoNews24

Si rivolge a: professionisti

Un radiogiornale con puntate da 3 minuti. Offre notizie sul mondo del vino italiano e internazionale, con dati di consumo, modifiche disciplinari, quotazioni di mercato, premi e eventi di settore e simili.

[Ascoltalo su Sito e Spreaker]

3 – Wine Soundtrack

Si rivolge a: tutti / ristoratori

Quindici minuti di interviste ai più famosi produttori di vini: 30 domande per conoscerli e approfondirne filosofia e lavoro. Una rubrica nata da un’idea di Claudio Tagliata, in collaborazione Massimo Cervelli, Saula Giusto e Boi Tuyen Huynh.

[Ascoltalo su Sito, Spreaker, Apple Podcast, Spotify]

4 – Decanter

Si rivolge a: tutti / ristoratori

Programma radiofonico condotto dai giornalisti Fede e Tinto in onda dal lunedì al venerdì su Radio2, ma disponibile anche in formato registrato sul sito e su Apple Podcast. La rubrica è dedicata in generale al mondo del food&beverage, ma prevede un approfondimento specifico sul vino con idee, ricetti, tendenze e abbinamenti da provare.

[Ascoltalo su Sito e Apple Podcast]

5 – In Vino Veritas

Si rivolge a: tutti

Non poteva mancare una rubrica intitolata con una delle più celebri citazioni “enologiche”. In Vino Veritas è un podcast lanciato ufficialmente solo lo scorso anno ma che ha già saputo guadagnare un certo seguito da parte di appassionatissimi ascoltatori.

Si tratta di un format settimanale di 30 minuti condotto dai simpatici Tommy & Lollo che, in modo scanzonato e coinvolgente, rispondono alle domande del pubblico offrendo informazioni su prodotti, degustazioni, territori e altri interessanti aspetti legati al vino.

[Ascoltalo su Spotify e Spreaker]

6 – DWinetaste

Si rivolge a: professionisti

Podcast mensile e multicanale, disponibile anche via App, che guida gli ascoltatori alla scoperta di uve, storie e territori con un linguaggio professionale e avanzato. Presente in ogni puntata il “vino del mese”, con approfondimenti su produttori, caratteristiche e altre importanti informazioni.

[Ascoltalo su Sito Podcast, App DiWineTaste Mobile per Android, iPhone e iPad, Apple Podcast]

7 – The Digital Wine

Si rivolge a: professionisti

Condotto da Wine Roland, pseudonimo di Rolando Mucciarelli, noto wine blogger e influencer del vino italiano. Come suggerisce lo stesso titolo, The Digital Wine è una rubrica di approfondimento sul rapporto tra vino e digitale che racconta l’evolversi del settore dalle visite virtuali in cantina, al digital marketing del vino passando per l’e-commerce. Il tutto accompagnato, di tanto in tanto, anche da interviste a produttori e professionisti del settore.

[Ascoltalo su Sito, Spotify, Apple Podcast, Spreaker]

8 – Vino al vino: 50 anni dopo

Si rivolge a: tutti

Un viaggio letterario condotto da Paolo De Cristofaro e Antonio Boco a 50 anni dalla pubblicazione del libro “Vino al vino. Alla ricerca di vini genuini” dello scrittore Mario Soldati (Mondadori, 1969). Un podcast “meditativo” da cui lasciarsi affascinare, all’insegna dei sapori, delle fragranze e degli umori delle confraternite dell’uva italiane del secolo scorso.

[Ascoltalo su Spotify e Spreaker]

9 – The Italian Wine Girl

Si rivolge a: tutti, ma soprattutto professionisti

Vendere vino negli USA è il sogno di molte cantine. Laura Donadoni ne ha fatto un programma, raccontando mercato, trend, produzione e territori vitivinicoli degli Stati Uniti e, in particolare, della California, dove lei stessa risiede. Un punto di vista puntuale e approfondito per restare sempre aggiornati su un mercato molto importante per il vino internazionale.

[Ascoltalo su Spotify, Apple Podcast e Spreaker]

10 – Il vino lo porto io

Si rivolge a: tutti / ristoratori

Marco Barbetti, sommelier, conduce questa utile rubrica di approfondimento su differenti tipologie di vini e su come abbinarle alla ricetta perfetta. Non mancano consigli su dove trovare vini al miglior prezzo, ma anche informazioni su tecniche di produzione, storia del vino e quale bicchiere utilizzare per una degustazione perfetta.

[Ascoltalo su Spotify, Apple Podcast e Spreaker]

Se ami il mondo del vino non perderne le novità!

Esploravino è l’innovativo servizio di distribuzione vini per bar, ristoranti, enoteche con un proprio social club riservato anche ai privati.

Segui il blog Esploravino e iscriviti alla nostra newsletter per ricevere, solo quando serve davvero, le più interessanti novità e curiosità sul mondo del vino e i suoi protagonisti!

1 2 3 4 10 11
Impostazioni sulla privacy
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza mentre utilizzi il nostro sito web. Se stai utilizzando i nostri Servizi tramite un browser, puoi limitare, bloccare o rimuovere i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser web. Usiamo anche contenuti e script di terze parti che possono utilizzare le tecnologie di tracciamento. È possibile fornire in modo selettivo il proprio consenso di seguito per consentire tali incorporamenti di terze parti. Per informazioni complete sui cookie che utilizziamo, i dati che raccogliamo e su come li elaboriamo, si prega di consultare il nostro Privacy Policy
Youtube
Consenso per visualizzare il contenuto da - Youtube
Vimeo
Consenso per visualizzare il contenuto da - Vimeo
Google Maps
Consenso per visualizzare il contenuto da - Google
Spotify
Consenso per visualizzare il contenuto da - Spotify
Sound Cloud
Consenso per visualizzare il contenuto da - Sound
Cart Overview