Contattaci
Category

Horeca

Home / Horeca
reel instagram
Horeca

Reel Instagram: come usarli al meglio per promuovere il tuo locale

I numeri parlano chiaro: se Facebook è ancora il social network più utilizzato dalle attività ricettive italiane, bar, enoteche e ristoranti in primis, è su Instagram che si registra il maggior numero di interazioni. Più facile trovare follower, intercettare pubblico, mostrare contenuti e, non da meno, convertire, cioè ottenere prenotazioni.

Questo perché il team di casa Zuckerberg ha investito notevolmente negli ultimi anni per potenziare funzionalità e novità su Instagram, a cominciare dalle Storie fino alle campagne a pagamento, nel tentativo di sottrarre terreno al sempre più celebre TikTok, ormai imprescindibile per i più giovani (e non).

Proprio in quest’ottica, da qualche anno a questa parte, anche su Instagram sono comparsi i “Reel”: una categoria di video a scorrimento, di durata maggiore rispetto ai 15 secondi permessi dalle Storie, presenti in una specifica sezione dell’app. Un modo per ricalcare il concetto alla base dei contenuti tiktoker: veloci, coinvolgenti e molto più efficaci per chi li pubblica in termini di visualizzazione da parte del pubblico.

A differenza delle Storie, infatti, che possono essere visualizzate quasi esclusivamente da chi segue il profilo che le pubblica, i Reel vengono mostrati ad un pubblico più ampio, che può in questo modo scoprire e seguire i suoi autori. Una strategia che ha effettivamente riportato Instagram in testa alle classifiche, rilanciando l’utilizzo e i download dell’app tra gli utenti di ogni età.

TI PIACE QUESTO BLOG?
Concordo che i dati forniti siano gestiti da Esploravino nel rispetto delle norme della Privacy MailChimp ( più info )
Non perdere neppure un articolo! Iscriviti alla newsletter e troverai nella tua email, ogni 30 giorni, tutti i nuovi articoli. Niente robaccia, promesso!
Okay, odiamo anche noi lo spam. Per questo la tua email non sarà condivisa con terze parti.

Se il tuo locale è su Instagram fare Reel conviene

Si sa: quando viene lanciato un nuovo social network o una nuova funzionalità su uno già esistente, i primi ad approdarvi sono sempre i più premiati. Questo perché, ovviamente, gli sviluppatori tendono ad incentivarne l’utilizzo, mostrando i contenuti pubblicati a più utenti.

Forse ricorderai quando, fino a qualche anno fa, fosse molto più facile di oggi acquisire follower su pagine Facebook o finire tra i primi risultati di ricerca su JustEat. Oggi, e ancora per poco, questo sistema funziona per i Reel di Instagram che non possono, per questo, essere ignorati da chi segue una propria strategia di marketing per promuovere il proprio locale su questa piattaforma.

Ma, come nel caso delle Storie o dell’utilizzo degli Hashtag, per pubblicare Reel davvero coinvolgenti su Instagram è necessario seguire alcune regole, e violarne altre. Ecco alcuni trucchi e consigli per realizzare Reel perfetti.

1. Il Reel perfetto non esis…

I Reel sono perlopiù contenuti amatoriali, registrati da cellulare e pubblicati da utenti che hanno poca o nessuna dimestichezza con programmi di montaggio. E il bello sta in questo. Sono divertenti, scanzonati, talvolta anche esagerati, e – soprattutto – sono veri.

Certo, un minimo di padronanza o occhio critico non guasta quando si tratta di scegliere la canzone giusta, o il momento perfetto per tagliare una sequenza, ma in generale non preoccuparti troppo della qualità. Preoccupati piuttosto di esprimere te stesso.

2. Mostra i retroscena

Metà del lavoro di un bar o di un ristorante si svolge dietro le quinte. E spesso è anche il più interessante.

Il tuo pubblico è abituato a vedere il proprio cocktail o piatto preferito quando gli viene servito, ma non nel momento in cui viene preparato. Se il tutto prevede anche un effetto scenico, con un po’ di flair bartendering o un passaggio di cucina particolarmente curioso (flambé, padronanza degli accessori del mestiere, velocità di esecuzione, etc.) il gioco è fatto.

3. Presenta i tuoi prodotti

Che si tratti di primi piatti, tagli di carne, aperitivi, vini, long drinks o altro puoi sempre utilizzare i Reel per mostrarli. Ma ad una condizione: devono essere spettacolari.

Un brunch particolarmente assortito, un panino imbottito alto trenta centimetri, una torta di pasta di zucchero elaborata, un vino particolare o introvabile (di importazione, vulcanico, abbinato a cibi particolari, come la cioccolata).

Il pubblico dei Reel cerca emozioni forti. Vuole divertirsi, commuoversi, stupirsi. L’ordinario non fa parte di questa categoria di video. Usa ciò che sorprende per sorprendere il pubblico.

4. Presenta il tuo team

Lo chef, il responsabile di sala, il bartender o la barlady, il sommelier: presentare i tuoi collaboratori li “umanizza” agli occhi del pubblico.

Sapere chi si occupa di realizzare il piatto, di servire il vino o di preparare il cocktail che andranno ad ordinare li farà sentire a casa.

Non solo: costruire il “personaggio” di una figura professionale centrale del locale rappresenta una importante strategia di branding: “andiamo a cena in questo locale, il loro cuoco è davvero professionale / divertente / originale!”.

5. Sfrutta i tormentoni

La maggior parte dei Reel presenti su Instagram sono riproposizioni dei tormentoni del momento. Una canzone, un video, una reazione ad un altro video: niente è troppo visto, troppo gettonato, per essere riproposto.

Spesso basta la canzone giusta per innescare nell’utente il desiderio di fermare lo scrolling e continuare a guardare cosa accade nel video.

6. Racconta chi sei

Lo abbiamo già detto e lo ribadiamo, perché è l’aspetto più importante. Se il tuo è un ristorante per famiglie, crea contenuti per famiglie. Se sei titolare di una vineria promuovi i prodotti più originali, ricercati o introvabili che è possibile scoprire nel locale. Se hai investito tutto su una cucina di fascia alta, raccontane il prestigio o la raffinatezza. Se gestisci un locale notturno o un bar di quartiere crea contenuti ad hoc per il tuo pubblico.

Raccontare chi sei veramente è l’unico vero segreto per un marketing di successo!

Noi di Esploravino, lo sappiamo bene, perché impegnati ogni giorno nella consulenza e distribuzione di vini italiani e di importazione ad attività ricettive in gran parte delle regioni italiane.

Costruire una carta dei vini perfettamente abbinata all’anima del locale è una sfida nella quale siamo impegnati ogni giorno.

Se desideri provare il nostro servizio, contattaci per ricevere senza impegno un primo colloquio con un nostro referente nella tua zona: il nostro servizio di fornitura vini per bar e ristoranti è in conto vendita e con possibilità di reso gratuito e senza condizioni!

sangria bianca
Horeca, Winelovers

Ricetta sangria bianca: il cocktail di vino estivo perfetto per party e aperitivi

Facendo i dovuti scongiuri, sembra che la bella stagione in arrivo coincida anche quest’anno con il graduale allentamento delle restrizioni pandemiche. Un fenomeno simile alla scorsa estate quando, nonostante le difficoltà, è stato possibile tornare ad assaporare un po’ di normalità, sia per il settore della ristorazione che per il pubblico.

La riapertura, seppur parziale, dei locali nell’ultimo mese, con servizio all’aperto e posticipo di un’ora del coprifuoco notturno, ha determinato già un notevole incremento di aperitivi e prenotazioni. Il desiderio di godere di un po’ di svago dopo i lunghi mesi estivi passati a casa ha rappresentato un’ottima occasione per rilanciare proposte e strategie per attirare pubblico, ma anche per riorganizzare qualche piacevole rimpatriata tra amici all’insegna dello stare bene insieme.

E, per farlo, non c’è niente di meglio di un brindisi.

Dopo qualche articolo sui migliori abbinamenti estivi a base di vino e sui cocktail con Prosecco più facili da preparare, ti proponiamo oggi la ricetta del drink simbolo dei summer party, in una chiave un po’ rivisitata: la sangria… con vino bianco!

Storia della sangria: cocktail di greci e romani

La sangria è un tradizionale cocktail a base di vino tipico della penisola iberica, noto in realtà in tutto il mediterraneo da tempi immemori. Greci, romani e fenici la conoscevano come Hippocras, una bevanda speziata dalle origini antichissime e vagamente alcolica, molto simile alla ricetta del punch spagnolo.

A quei tempi, l’acqua era sovente infestata da germi e batteri, e il vino di scarsa qualità a causa delle primitive tecnologie di conservazione. Il che induceva molto spesso ad edulcorare le bevande con spezie, miele e frutta, per addolcirne o inasprirne i sapori in base alle necessità.

L’ippocrasso era, in questo senso, una sorta di vino aromatizzato con spezie e frutta, molto popolare nelle civiltà antiche, la cui tradizione sembrò affermarsi in particolare in Spagna, dove permane tutt’oggi.

Non a caso, secondo le direttive europee, la denominazione “sangria” può essere applicata a bevande prodotte in Spagna o Portogallo, con un volume alcolico minore del 12%.

Ricetta della sangria tradizionale

Non esiste una “vera” ricetta della sangria, ma quella tradizionale prevede l’impiego di vini rossi (“sanguinei”, appunto) di origine spagnola. Viene tradizionalmente preparata con tempranillo o altri vini tipici della regione della Roja, ai quali vengono aggiunti per infusione agrumi o frutta locale.

La versatilità di questo drink sta nella sua semplicità di preparazione, nell’ottima bevibilità ma anche nel facile abbinamento con distillati, altre bevande alcoliche o analcoliche e frutta di vario tipo.

È infatti possibile preparare una sangria con l’aggiunta di Cointreau, Brandy, sciroppo di zucchero, acqua frizzante, tonica, soda e frutta a piacere (tra quest’ultima, non dovrebbe mai mancare arance, mela, limoni o lime, uva e frutti rossi, come fragole, mirtilli o ribes).

Il segreto per una sangria perfetta è… farla come piace a te! I disciplinari di produzione, almeno in questo caso, lasciamoli pure ai burocrati. Il piacere di una buona sangria dipende dal tipo di vino utilizzato e da tutti quegli ingredienti che andranno ad equilibrarne il sapore, più dolci o asprigni in base all’esigenza.

Il grande appeal di questo cocktail sta proprio nell’adattarsi bene alle esigenze di chi la prepara, con proposte creative, originali e sperimentali, alla scoperta di nuovi sapori!

Sangria con vino bianco: ricetta e varianti

La sangria è sempre stata oggetto di modifiche e varianti alla sua ricetta originale. Proprio per questo, è difficile dire quale sia la vera ricetta della sangria. La presentazione di questo drink durante la fiera universale USA negli anni ’60 lo rese celebre anche negli States, dove da allora ne esistono innumerevoli varianti.

La sangria in bianco è un’ottima proposta estiva, che possiamo abbinare con frutta di stagione e superalcolici fruttati e zuccherini.

Per una perfetta sangria bianca è meglio prediligere un vino non troppo delicato, di buon corpo e dai sentori intensi, come un Aglianico, un Trebbiano o, ancora meglio, un vino bianco spagnolo (ne trovi una fantastica selezione nel nostro nuovo catalogo). Tuttavia c’è chi la preferisce con vini frizzanti come Prosecco o Franciacorta. Ad ogni modo, nel rapporto a 75cl di vino possiamo andare ad aggiungere frutta di stagione e altri ingredienti come:

  • 2 pesche noci;
  • ½ melone;
  • il succo di un limone;
  • 1 etto di zucchero di canna grezzo o ½ etto di moscovado;
  • cannella in stecca;
  • chiodi di garofano.

Ottima anche con frutta non estiva o locale, come arance, uva, mango o kumquat. Meglio evitare i frutti rossi con la sangria in bianco, che invece si presta bene anche a sperimentazioni in chiave “mojito”, con l’aggiunta di menta e rum bianco, o “moskow mule”, con lime, cetriolo e vodka.

L’importante, in ogni variante, è rispettare la temperatura di servizio di ogni vino, per esaltarne le proprietà e l’abbinamento con gli altri ingredienti.

Vini spagnoli, italiani e tanti altri: la tua sangria perfetta con Esploravino!

Esploravino è l’innovativo servizio di distribuzione vini per privati e professionisti della ristorazione / somministrazione che ti garantisce sempre le migliori etichette italiane e al prezzo più concorrenziale sul mercato!

Se sei un wine lover

Prova il Social Club di Esploravino, per scoprire ogni mese le nostre migliori proposte di vini da ricevere comodamente a casa tua, senza condizioni particolari o obbligo di acquisto: paghi solo ciò che desideri acquistare!

Se sei un ristoratore

Scopri i nostri servizi di distribuzione vini in conto vendita per il settore Horeca, con possibilità di reso gratuito di invenduti senza condizioni. Contattaci oggi per richiedere la visita di un nostro referente nella tua zona!

abbinamenti vini cocktail estivi
Horeca, Winelovers

Vini e sapori estivi: i migliori abbinamenti da non perdere

Con l’arrivo dell’estate la tendenza comune è quella di mettere da parte i rossi per favorire la freschezza di bianchi fermi (meglio se al miglior prezzo) e bollicine. Vini che si abbinano meglio ai piatti leggeri dei mesi più caldi dell’anno. Oppure no?

Se avete già messo in cantina il vostro rosso preferito provate a fargli un po’ di spazio per riscoprire qualche favoloso abbinamento tra vini e ricette estive, a base di bianchi, rosati, spumanti ma anche rossi.

Vino e frutta: gli abbinamenti che non ti aspetti

La frutta è uno degli alimenti più apprezzati della tavola estiva. Per molti, mangiare la frutta fa parte di un’abitudine gustosa e sana, per altri invece si tratta di una piccola seppur piacevole costrizione, in vista della prova costume 😉

Tuttavia, consumare frutta regolarmente fa bene, specie nei estivi, in quanto contribuisce al fabbisogno di zuccheri semplici e idratazione necessari per combattere il caldo. In più, si tratta di un alimento fresco e leggero, molto piacevole per colazione, merenda o anche per sostituire un pasto.

Ma che sia per piacere o per dieta, l’abbinamento con un assaggio di buon vino non può che renderne il consumo più gradevole. Da qualche tempo, questo paring è stato un po’ (troppo?) condizionato dalle sempre più numerose proposte di centri benessere, con pacchetti quasi sempre incentrati sulla degustazione finale di bianchi fermi o bollicine e frutta.

Una tendenza che ha fatto breccia tra il pubblico e che, effettivamente, risulta molto gradevole, specie con frutta tropicale (ma anche pesche, melone, mele e frutti rossi). Tuttavia, non dimentichiamo che tra i migliori abbinamenti tra vini e frutta, quello più tradizionale di tutti è ancora a base di vino rosso. Parliamo ovviamente delle famigerate pesche al vino, immancabili sulla tavola estiva.

Allo stesso modo è possibile sperimentare abbinamenti in stile sangria anche con pere e mele verdi e, in chiave rosata, con ananas o mango.

Infine, un abbinamento diverso dal solito: Lambrusco e frutti rossi, come ciliegie, fragole e mirtilli. Se proprio questo vino è stato decretato il più amato dagli italiani un motivo deve pur esserci. Provare per credere!

Vino per aperitivi estivi: le bollicine restano un must

Possiamo sforzarci quanto vogliamo e forse trovare anche una “quadra”, ma inutile girarci attorno: le bollicine restano il vino perfetto per l’aperitivo estivo. Non solo per la freschezza dettata della bassa temperatura di servizio e il minor volume alcolico (fondamentale nei giorni più caldi). I vini frizzanti risultano, infatti, più versatili per abbinamento con sapori leggeri e delicati, tipici della stagione.

Se conosci già la differenza tra Prosecco, Chardonnay, Franciacorta e altri vini frizzanti non ti resta che trovare la migliore combinazione con l’aperitivo estivo che preferisci. Se vuoi un consiglio, lascia stare l’aperisushi, delizioso ma più calorico, e prova invece quello con frutta e ortaggi crudi.

Tuttavia, è possibile spaziare con l’assaggio di vini diversi, poco conosciuti, meglio se bianchi o rosati, ai quali dedicare un aperitivo all’insegna della scoperta sensoriale. Tra questi troviamo, per esempio, i vini vulcanici, gli orange wine o vini alla canapa.

Per un aperitivo perfetto prova questi cocktail al vino, dai classici a base di Prosecco ai più originali oltre lo Spritz.

Vini estivi: come abbinare i rosati

Come detto, il residuo più acidulo dei rosati sposa bene i sapori di frutta come ananas, mango, avocado, mele, pesche, pere e albicocche. Tuttavia, è possibile abbinare questo vino anche ricette leggere dai sapori delicati, come piatti a base di pesce, carne bianca, insalate poké o di erbe spontanee e fiori commestibili.

Se desideri arricchire la tua lista di vini rosati, prova questi 6 rosati da non perdere.

TI PIACE QUESTO BLOG?
Concordo che i dati forniti siano gestiti da Esploravino nel rispetto delle norme della Privacy MailChimp ( più info )
Non perdere neppure un articolo! Iscriviti alla newsletter e troverai nella tua email, ogni 30 giorni, tutti i nuovi articoli. Niente robaccia, promesso!
Okay, odiamo anche noi lo spam. Per questo la tua email non sarà condivisa con terze parti.

Abbinamenti vini estivi: i rossi

Forse è vero che il consumo di rosso in estate si riduca fisiologicamente. Il suo corpo pieno, la maggiore gradazione alcolica e la temperatura di servizio non freschissima rendono questa tipologia di vino meno estiva rispetto ad altre.

Eppure, una buona bottiglia di rosso, meglio giovane, da tirar fuori all’occorrenza non è mai una cattiva idea. Primo perché sulla tavola serale, quando il clima rinfresca, o in occasione di grigliate in giardino, è sempre ben gradito. Secondo perché chi lo ha detto che non si possa rompere gli schemi?

Di prassi, il rosso ha una temperatura di servizio superiore ai 14°, eppure la sangria lasciata in frigo e consumata fresca risulta a molti più gradevole e bevibile. Come sempre, le regole sono fatte per essere infrante e questo vale anche per il vino!

I migliori vini per la tua estate li trovi su Esploravino!

Esploravino è l’innovativo servizio di distribuzione vini per privati e professionisti della ristorazione / somministrazione che ti garantisce sempre le migliori etichette italiane e al prezzo più concorrenziale sul mercato!

Se sei un wine lover

Prova il Social Club di Esploravino, per scoprire ogni mese le nostre migliori proposte di vini da ricevere comodamente a casa tua, senza condizioni particolari o obbligo di acquisto: paghi solo ciò che desideri acquistare!

Se sei un ristoratore

Scopri i nostri servizi di distribuzione vini in conto vendita per il settore Horeca, con possibilità di reso gratuito di invenduti senza condizioni. Contattaci oggi per richiedere la visita di un nostro referente nella tua zona!

1 2 3 17 18
Impostazioni sulla privacy
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza mentre utilizzi il nostro sito web. Se stai utilizzando i nostri Servizi tramite un browser, puoi limitare, bloccare o rimuovere i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser web. Usiamo anche contenuti e script di terze parti che possono utilizzare le tecnologie di tracciamento. È possibile fornire in modo selettivo il proprio consenso di seguito per consentire tali incorporamenti di terze parti. Per informazioni complete sui cookie che utilizziamo, i dati che raccogliamo e su come li elaboriamo, si prega di consultare il nostro Privacy Policy
Youtube
Consenso per visualizzare il contenuto da - Youtube
Vimeo
Consenso per visualizzare il contenuto da - Vimeo
Google Maps
Consenso per visualizzare il contenuto da - Google
Spotify
Consenso per visualizzare il contenuto da - Spotify
Sound Cloud
Consenso per visualizzare il contenuto da - Sound