★ Sei un wine lover? Entra nel Social Club

aprire wine bar

Quali documenti servono e quanto costa aprire un’enoteca, quante e quali varietà di vini vendere e quali sono i guadagni di un’enoteca “tipo”: ecco tutto quello che c’è da sapere per aprire un’enoteca.


Aprire un’enoteca rappresenta un’alternativa potenzialmente più economica rispetto ad un locale di ristorazione. Se sei un amante o un esperto di vini e stai seriamente valutando di dedicarti a questo business ecco alcune informazioni utili per iniziare ad orientarti.

Per prima cosa è necessario fare una piccola ma fondamentale precisazione: esiste una precisa differenza tra enoteca e wine bar. La prima è un’attività specializzata nella vendita al dettaglio di vini, distillati e liquori, con una selezione di prodotti molto più ampia e ricercata rispetto ad un normale negozio.

La seconda è, invece, un’attività simile, ma che prevede la possibilità di somministrare i vini in vendita, accompagnati da menù, stuzzicherie e pietanze calde o fredde.

Servizi differenti significano costi e burocrazia differenti, più o meno economica a seconda dei casi, come vedremo meglio in seguito. Fatta questa premessa iniziamo a vedere nello specifico cosa serve per aprire un’enoteca, vineria e wine bar, quali sono i costi iniziali, come trovare fornitori e come promuovere al meglio l’attività.

Aprire un’enoteca: cosa serve

Come detto, per enoteca si intende una rivendita di vini e altre bevande alcoliche con un’offerta di vini italiani e internazionali ben selezionata e assortita. La prima cosa da fare per aprire un’enoteca è stilare un business plan, un documento utile a stabilire costi, target e possibili rendite, focalizzando obiettivi a medio e lungo termine.

Per farlo puoi rivolgerti ad un professionista, consulente commerciale o di impresa, o provare da solo scaricando uno dei moltissimi modelli di business plan online e gratuiti reperibili in rete.

La compilazione di un business plan per enoteche dovrebbe sempre comprendere:

  • una valutazione dei costi per aprire e condurre l’attività (costi iniziali, affitti, eventuali lavori edili, acquisto di attrezzature e prodotti, arredamento e ogni altra spesa necessaria);
  • lo studio della migliore location, da individuare in funzione del target scelto (selezionato per età, potere economico, traffico nella zona e simili);
  • la redazione di “buyer personas”, tre o quattro profili di clienti-tipo, fondamentale per focalizzare la clientela che si desidera attrarre;
  • un prospetto degli obiettivi principali da raggiungere a stretto, medio e lungo termine.

Quest’ultimo punto, in particolare, ti aiuterà a capire se l’acquisto di una determinata attrezzatura è necessaria e può essere effettuato subito o in un secondo momento, prevedendo lo spazio per realizzarla.

Un esempio pratico: se l’idea è quella di aprire un’enoteca che offra anche la vendita di vino sfuso potresti incorrere in un problema di liquidità iniziale per l’acquisto delle botti da spillatura o del materiale necessario alla vendita di vino alla mescita. Con la redazione di un business plan potrai pertanto istituire l’apertura del punto vendita come primo obiettivo immediato, e l’implementazione del servizio di vendita alla mescita a medio o lungo periodo, in base al tempo necessario per reperire la copertura economica necessaria all’investimento.

Costi e documenti per aprire un’enoteca

L’avvio di un’enoteca è soggetta ad apertura di una SCIA presso l’ufficio preposto del comune di pertinenza. Il costo dell’apertura di una SCIA per attività commerciali dipende dalle imposte locali, che vanno comunque da un minimo di 250 euro ad un massimo di 1.000 euro circa.

Tuttavia, questi importi potrebbero variare qualora siano previsti costi addizionali di marche da bollo e altre spese burocratiche richieste dagli uffici competenti.

Sarà inoltre necessaria l’apertura di una partita IVA con relativa comunicazione alla Camera di Commercio, e l’individuazione di un codice ATECO per il commercio al dettaglio di bevande da non consumare sul posto (solitamente il codice assegnato è il 47.25.00).

È possibile aprire una partita IVA a regime forfettario (con aliquota al 15% anziché del 22%) per l’avvio di questo tipo di commercio, purché i ricavi non superino un fatturato annuo pari a 65.000 euro.

Il costo per aprire un’enoteca è mediamente quello di 30-40.000 euro, tenendo conto delle spese medie iniziali e di un primo assortimento di circa 300 etichette del valore di circa 150.000 euro.

Una stima molto approssimativa, sulla quale è però possibile iniziare a farsi un’idea, tenendo presente che vini di qualità maggiore faranno, naturalmente, lievitare il prezzo.

Aprire un wine bar: enoteca con somministrazione di cibi e bevande

Diverso è il caso in cui si intenda aprire una vineria che preveda la possibilità di somministrare cibi e bevande. In questo caso, oltre ai documenti appena citati, sarà necessario essere in possesso di un diploma alberghiero, o dimostrare di avere un’esperienza minima di due anni nel medesimo campo o nella ristorazione, a fronte di un regolare contratto.

Componi la tua carta vini <strong>in conto vendita</strong>

Componi la tua carta vini in conto vendita

  • Paghi solo quello che vendi
  • Sostituzioni o resi gratuiti
  • Non fai magazzino e risparmi

Ti aiutiamo a scoprire l'offerta con un nostro consulente di zona. Il servizio è riservato a ristoranti, bar e esercizi con somministrazione.


In alternativa, è possibile seguire un corso SAB, di durata e costo differente in base alla regione di residenza e di apertura del locale. Un corso SAB da 120 ore, comprensivo di esame finale, si attesta mediamente su un costo di 600 euro, mentre uno “agevolato” di 42 settimane va dai 300 euro a salire.

In alcune regioni, il costo di questi corsi può arrivare anche fino a 900 euro, ed è pertanto necessario prevederli in anticipo nel business plan, se si decide di perseguire la strategia del wine bar. Insieme alla SAB, è obbligatorio acquisire un certificato HACCP per apprendere il rispetto delle norme igieniche e di sicurezza necessarie a servire cibi e bevande al pubblico a norma di legge.

Il costo di un wine bar, maggiore rispetto a quello di un’enoteca, si aggira sui 70-80.000 euro, a fronte di maggiori spese di acquisto e certificazione di attrezzature per la preparazione o manipolazione dei cibi da somministrare.

È possibile aprire un’enoteca per poi trasformarla in un wine bar una volta avviata con profitto? Certo, l’importante è fare tutto a norma di legge.

Aprire un’enoteca / wine bar: come trovare i fornitori

Rappresenta uno degli aspetti più importanti, sia che sia intenzionato ad aprire un’enoteca o un wine bar. Entrambe le attività sono incentrate sull’assortimento e sulla qualità dei prodotti venduti, siano essi vini italiani e stranieri, liquori o distillati, ed è pertanto fondamentale scegliere un fornitore affidabile, puntuale e con ottime condizioni contrattuali.

Se stai cercando un fornitore di vini per la tua attività scopri i vantaggi di Esploravino: il primo distributore di vini in Italia che ti offre la possibilità di prendere bottiglie in conto vendita, pagando solo per quelle effettivamente vendute!

Il servizio di reso prodotti è garantito senza costi per il cliente, ritirando direttamente le bottiglie invendute dal punto vendita.

Grazie a una solida rete commerciale e ad un giro di collaboratori operanti in tutta la filiera del settore vitivinicolo, il catalogo Esploravino si compone di un ampio assortimento di etichette italiane e internazionali in costante aggiornamento. Esploravino, inoltre, riserva ai suoi clienti un servizio di consulenza esclusivo relativo ai vini più richiesti dal mercato, per proporre ai tuoi clienti una selezione di prodotti sempre nuova.

Contatta il nostro servizio clienti per avere maggiori informazioni su offerte e servizi Esploravino, e iscriviti alla newsletter per non perdere i nuovi articoli su come aprire un’enoteca o wine bar (nella prossima puntata: quanti e quali vini scegliere per un wine bar e quanto guadagna un’enoteca e finanziamenti per enoteche e wine bar).

Ti piace questo blog?

Non perdere neppure un articolo! Iscriviti alla newsletter e troverai nella tua email, ogni 30 giorni, tutti i nuovi articoli. Niente robaccia, promesso!

Ho letto e accetto la privacy policy

Okay, odiamo anche noi lo spam. Per questo la tua email non sarà condivisa con terze parti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Impostazioni sulla privacy
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza mentre utilizzi il nostro sito web. Se stai utilizzando i nostri Servizi tramite un browser, puoi limitare, bloccare o rimuovere i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser web. Usiamo anche contenuti e script di terze parti che possono utilizzare le tecnologie di tracciamento. È possibile fornire in modo selettivo il proprio consenso di seguito per consentire tali incorporamenti di terze parti. Per informazioni complete sui cookie che utilizziamo, i dati che raccogliamo e su come li elaboriamo, si prega di consultare il nostro Privacy Policy
Youtube
Consenso per visualizzare il contenuto da - Youtube
Vimeo
Consenso per visualizzare il contenuto da - Vimeo
Google Maps
Consenso per visualizzare il contenuto da - Google
Spotify
Consenso per visualizzare il contenuto da - Spotify
Sound Cloud
Consenso per visualizzare il contenuto da - Sound
Cart Overview