★ Sei un wine lover? Entra nel Social Club

migliori vini vulcanici
Winelovers

Vini vulcanici: cosa sono e dove trovare i migliori in Italia

È stata una delle novità più attese del 2019, insieme agli Orange Wine, destinata a rappresentare un nuovo ed importante fattore di interesse per i vini made in Italy nel mondo. L’avvento della pandemia ha solo ritardato quello che doveva essere il loro exploit all’interno dei circuiti di settore internazionali più illustri, dal Vinitaly al ProWein, ma di fatto il loro ritorno nella classifica dei vini di tendenza è già una realtà.

Parliamo dei “volcanic wines”, vini prodotti da uve coltivate su terreni vulcanici, o dalle medesime caratteristiche, di cui l’Italia conserva un patrimonio unico e assolutamente inimitabile. L’abitudine di impiantare vitigni su suolo vulcanico non è, infatti, certamente nuova al Bel Paese. L’eccellente qualità di questo terroir per la coltivazione delle uve è già nota sin da epoche antichissime. Basti pensare all’area di Pompei e dei Campi Flegrei, con la loro tradizione enoica che si perde nella notte dei tempi.

Cos’è allora che rende proprio i vini vulcanici italiani così speciali? Proprio la loro storia. Negli anni, la diffusione di questi vini sul mercato ha interessato anche altri paesi, come il Giappone per esempio, caratterizzati dalla presenza di vulcani. Nessuno di questi, però, può vantare una tradizione pari a quella italiana, per storicità dei vigneti, predilezione di cultivar autoctone, tecniche di produzione non industriale, certificazione dei prodotti.

Praticamente un marchio di garanzia, che fai dei vini vulcanici italiani tra i migliori in assoluto al mondo. Non a caso, proprio in Italia esiste dal 2012 un’associazione che raccoglie sigle e consorzi di tutela dei vini vulcanici dal nord al sud dello Stivale. Ne fanno parte, tra le altre, il Consorzio Vini Doc dei Colli Euganei, il Consorzio dei vini di Ischia, il Comune di Pantelleria, il Consorzio dei vini del Vesuvio e il Consorzio del Mogoro in Sardegna.

Vini vulcanici: perché sono così speciali

Gran parte della struttura di un vino viene dal territorio di produzione. Mineralità e acidità del terreno giocano un ruolo fondamentale. Caratteristiche che nelle zone vulcaniche assumono un rilievo tutto unico in quanto ricchi di fosforo, magnesio e potassio che rendono il terreno particolarmente adatto alla coltura di vini bianchi e rosati di grande qualità.

Non esiste una sola tipologia di terreno, che può essere più argilloso, roccioso, ricco di silicio, ferro, sodio o altra composizione chimica, in base alle pregresse attività geologiche dell’area, in grado di donare al vino sentori differenti.

Il loro “segreto” sta nell’effetto prodotto dalla salinità del terreno, in combinazione con la sua parte acida. Un binomio in grado di restituire grande equilibrio nel vino, rendendolo più gradevole e adatto all’invecchiamento.

Nonostante questo, è importante sapere che i terreni vulcanici sono spesso difficili da coltivare, in questo costituiti in gran parte da materiale roccioso e in forti pendenze. Per questo, l’esperienza diviene un aspetto primario per la produzione di questi vini, alla quale sceglie di dedicarsi solo una piccola parte di produttori, determinati quanto appassionati del proprio lavoro.

Quali sono i migliori vini vulcanici italiani

Il primo punto di riferimento è senza dubbio l’Etna, e non a torto. Al di là della presenza del principale vulcano italiano ancora in attività, la tradizione siciliana dei vini vulcani è un’arte affinata in secoli e secoli di storia. Tanto da aver appassionato intenditori e, soprattutto, produttori provenienti da ogni dove, dal nord Italiana all’estero, al punto da scegliere di spostare parte delle produzioni proprio nella zona circostante questo vulcano.

Altre zone italiane rinomate per la produzione di vini vulcanici sono i Campi Flegrei ai piedi del Vesuvio, l’Irpinia del Fiano e del Greco di Tufo, il territorio dei Castelli Romani, Colli Albani e della Tuscia (Orvieto e Montefiascone) e l’area geografica del Vulture, in Basilicata.

Alcune varietà di uve comunemente utilizzate per la produzione di vini in territori vulcanici sono Carricante, Trebbiano, Falanghina, Grechetto, Moscato e Durello.

È il momento della degustazione! Tre imperdibili vini vulcanici direttamente a casa tua!

Esploravino ha selezionato per te tre imperdibili vini vulcanici prodotti dalla rinomata cantina siciliana Barone di Villagrande:

  • Etna Superiore Bianco Doc;
  • Etna Rosato Doc;
  • Etna Rosso Doc.

Perché abbiamo scelto questa cantina

  • Perché opera nel rispetto del territorio che la circonda, in sinergia con gli elementi del suolo, per la produzione di vini di alta qualità.
  • Perché un vino rosso vulcanico è raro, ma favoloso come quello del box è quasi introvabile.
  • Per la grande capacità di unire tradizione e modernità nella produzione di vini qualitativamente superiori.

Come ordinare il box dei vini dell’Etna direttamente a casa tua

Iscrivendoti gratuitamente al Social Club di Esploravino, il primo gruppo di acquisto vini online senza obbligo di ordinazione o quantitativi minimi, dove paghi solo i vini che scegli di comprare, sempre al miglior prezzo sul mercato.

Sfoglia il catalogo Esploravino Social Club e scopri i vini in promozione e le fantastiche box degustazione, perfette anche da regalare!

come conservare il vino
Winelovers

Vini da invecchiamento: quali sono i migliori, come sceglierli e conservarli

Ti aspetterò, perché l’attesa aumenta il desiderio” recita una famosa hit dei Boomdabash. Nel caso del vino, oltre al desiderio ad aumentare con il tempo, in alcuni casi, è il valore stesso del prodotto, se la conservazione avviene a regola d’arte.

Esistono vini “inclini” ad essere conservati, cioè più adatti ad invecchiare migliorando le proprie qualità, ed altri invece in grado di esprimersi al meglio quando sono ancora giovani. Tra quest’ultimi troviamo sicuramente i bianchi, i rosati e gli champagne, ovviamente con le dovute eccezioni.

Va da sé che quelli a prestarsi maggiormente ad essere conservati in cantina siano i rossi ma, anche qui, dipende dalla tipologia di vino e dalle sue caratteristiche.

Un vino da invecchiamento non è solo prerogativa di esperti assaggiatori o professionisti, ma un’arte in cui anche appassionati e intenditori possono cimentarsi, proprio come una degustazione. L’importante è scegliere il vino giusto da invecchiare, seguire delle regole di base e, soprattutto, saper aspettare!

In alcuni casi, un vino da invecchiamento risulta essere, inoltre, un buon investimento, un gradito regalo, nonché una la perfetta celebrazione di un’occasione speciale.

Vini da invecchiamento: quali sono i migliori

Altri importanti caratteristiche per scegliere il vino da invecchiamento sono:

  • qualità dell’annata;
  • resa di produzione del vino selezionato (di bassa percentuale o piccolo quantitativo);
  • periodo di affinamento già subito.

Le migliori tipologie di vini da invecchiamento sono rossi importanti, come Nebbiolo, Barbaresco, Barolo, Montepulciano d’Abruzzo, Aglianico, Brunello di Montalcino, Chianti Classico, Amarone, Sangiovese o Cannonau.

Come conservare correttamente un vino in cantina

Le principali caratteristiche di una buona cantina per conservare vini sono essenzialmente tre:

  • buio o scarsa luminosità;
  • temperatura fresca, controllata e costante;
  • giusto grado di umidità dell’aria (circa il 70%).

La migliore posizione per conservare bottiglie di vino è quella orizzontale, meglio se con una inclinazione di 5° verso l’alto, in modo da favorire il deposito di residui sul fondo e un minimo di contatto con il tappo.

È inoltre molto importante proteggere le bottiglie da eccessive vibrazioni e dalla presenza di forti odori. Sconsigliato, quindi, invecchiare il vino in una cantina in cui siano presenti anche formaggi, erbe in essiccazione o altri alimenti dalle fragranze importanti.

Quanto tempo si conserva un vino?

Dipende dalla tipologia e dalle proprietà del singolo prodotto. Un rosso di buon corpo, se conservato a dovere, può essere degustato anche 15 anni dopo la sua vendemmia. È molto difficile, però, che una comune cantina, non dotata di strumenti necessari all’invecchiamento, possa raggiungere tale traguardo (e, certamente, non superarlo).

Inoltre, va bene aspettare, ma ad un certo punto è anche bene brindare!

Alcune buone pratiche da seguire con i vini da invecchiamento sono riporre le bottiglie con l’etichetta verso l’alto (per tenere sempre sotto controllo la data di imbottigliamento) e posizionare la bottiglia verticalmente uno o due giorni prima di stapparla dopo un lungo periodo di invecchiamento.

I migliori vini da invecchiamento li trovi su Esploravino!

Esploravino è l’innovativo servizio di distribuzione vini in conto vendita per la ristorazione, che funziona anche come gruppo di acquisto vini online riservato al pubblico.

La nostra selezione di referenze italiane e internazionali è sempre sottoposta a un preventivo colloquio conoscitivo con l’azienda e test dei prodotti, a garanzia della qualità delle etichette in catalogo.

Il nuovo Social Club di Esploravino ti offre la possibilità di ricevere comodamente a casa tua i migliori vini italiani e non:

  • sempre al miglior prezzo di mercato;
  • senza ordinazione minima o obbligo di acquisto;
  • ordinando in modo veloce tramite WhatsApp;
  • con sconti sui prodotti in promozione.

Scopri subito i migliori vini da invecchiamento sul nuovo catalogo Esploravino Social Club: l’iscrizione è gratuita!

migliori vini rossi
Winelovers

10 imperdibili vini rossi italiani sotto i 20 euro

In Italia, la vera sfida non è trovare vini di qualità, ma trovarli al giusto prezzo. Noi di Esploravino lo sappiamo bene, impegnati come siamo ogni giorno nella distribuzione di vini per la ristorazione, dove la domanda è molto esigente e il prezzo gioca un ruolo fondamentale.

Per questo abbiamo scelto di aprire il nostro catalogo vini anche ai privati, con il Social Club Esploravino: un gruppo di acquisto vini online senza obbligo di ordinazione minima, dove trovare le migliori etichette italiane sempre al prezzo più conveniente di mercato. Il tutto direttamente a casa tua e con la stessa qualità del tuo ristorante preferito.

Così, dopo una raccolta estiva di vini bianchi sotto i 20 euro tutti da provare, scaldiamo la stagione autunno – inverno con una selezione di rossi italiani selezionati dai nostri esperti.

Scoprili al prezzo migliore sul nuovo catalogo Esploravino Social Club Autunno – Inverno!

Demarie – Roero Docg Riserva 2016

Iniziamo il nostro viaggio dal Piemonte e con un vino davvero imperdibile. Un rosso di colore granato intenso, di grande corpo, armonico e avvolgente. I suoi sentori di frutti rossi, liquirizia e cacao lo rendono un perfetto vino da meditazione, ideale anche per accompagnare sapori ricercati, come brasati, selvaggina e formaggi stagionati.

Da non perdere anche Barolo e Barbaresco della stessa cantina, in promozione fino al 40% per tutta la stagione sul catalogo Esploravino Social Club.

Massimo Rattalino – Trentaquattro34 (Barolo Docg)

Un Barolo sotto i 20 euro? Quasi, o meglio, in promozione. Sforiamo il budget di soli 3 euro per questo Barolo che ne varrebbe molti di più. E infatti il suo canonico prezzo di vendita supera i 26 euro, ma abbiamo deciso di invitare all’assaggio gli iscritti al club con una promozione del 20% sul nuovo catalogo.

Un vino potente, elegante e austero. Note speziate di pepe nero e tartufo lasciano spazio ad un carattere imponente dal finale molto lungo. Un autentico viaggio sensoriale tra le affascinanti colline di Barbaresco.

Donato di Tommaso – Montepulciano d’Abruzzo Dop

Il Montepulciano d’Abruzzo non è solo un vitigno, ma l’espressione stessa di questa regione da riassumere in una sola parola: semplicità.

Difficile è semplificare” – diceva Bruno Munari, ed è questa l’arte di Donato di Tommaso, giovane vignaiolo delle colline pescaresi. Il suo Montepulciano, prodotto con lieviti indigeni e maturato sulle fecce, è davvero fine ed elegante come pochi.

Non a caso, accompagna in modo egregio carni saporite come i tradizionali arrosticini di pecora ma, freddo, stupisce anche con il pesce.

Angelo d’Uva – Lagena

Menzione di gran merito per questa eccezionale Tintilia del Molise Doc dal prezzo veramente abbordabile. Un rosso dagli intensi profumi di mora e prugna, morbido e persistente, con note balsamiche e di liquirizia. Un vino che sposa bene primi e secondi piatti all’italiana, insieme ad arrosti di carne. In promozione in catalogo.

Michele Laluce – Le Drude Riserva 2011

L’Azienda Agricola Michele Laluce si trova nel cuore del Vulture, ai piedi dell’antico vulcano spento dove si inchinano i vigneti di Aglianico DOC e DOCG.

Insieme alle sue figlie, Michele Laluce tiene sotto controllo e cura ogni singola vite fino alla trasformazione in vino che viene portato all’invecchiamento con un approccio rispettoso per il territorio. Un approccio facilmente riscontrabile in questo Aglianico del Vulture Riserva Docg, disponibile anche in bottiglia speciale da 3 litri in sconto del 30%.

Cantine di Dolianova – Blasio

Le Cantine di Dolianova hanno scelto di rompere un vecchio cliché del mondo del vino. Quello secondo il quale ad una maggiore quantità di produzione non possa corrispondere altrettanta qualità del prodotto.

Con circa 1.200 ettari vitati, 300 soci e 4 milioni di bottiglie l’anno vendute in 5 continenti, questa cantina è certamente la più grande della Sardegna. Numeri ai quali corrispondono però altrettanti premi, riconoscimenti e attestazioni di qualità. Oltre 100, per l’esattezza, negli ultimi 10 anni, dal Terresicci 2014 ai 3 Bicchieri Gambero Rosso 2020.

Tra tutti, abbiamo scelto il Blasio, Cannonau di Sardegna Doc Riserva. Rosso dal sapore pieno e succoso, e dal finale persistente e pulito.

Barone di Serramarrocco – Sammarcello

Ottimo punteggio per questo Pignatello Terre Siciliane Igt, rosso più rappresentativo della cantina in questione. Note floreali di viola, rosa ed eucalipto si fondono in un abbraccio fruttato di amarena, frutti di bosco e cioccolato all’arancia. Autentica espressione della regione.

Merumalia – Vetus

Rosso biologico prodotto nel Lazio da vitigno Roma Doc. Perfetto equilibrio tannico e struttura che ben si abbina a carni rosse, cacciagione, formaggi stagionati e piatti tipici della cucina romana.

Curiosità: la cantina è anche uno splendido Wine Resort, disponibile per matrimoni e eventi nella caratteristica cornice collinare di Frascati.

Venturini Baldini – Marchese Monodori

Se il Lambrusco è il vino più amato dagli italiani (non lo sapevi? Ecco perché) una ragione c’è. E quello di Venturini Baldini è certamente da annoverare tra i meritevoli di lode.

Un vino che si distingue per qualità, arricchito da sentori originali quali chiodi di garofano e pepe, che lo rendono allo stesso tempo ideale per la tavola, fresco ed elegante.

Tenuta L’Impostino – Impostino

Montecucco Riserva Doc 2014, bandiera della cantina toscana Tenuta L’Impostino. Rosso intenso con note vegetali di fieno, spezie e una punta di legno. Finale lungo e di grande soddisfazione. Vino da meditazione, ma buona scelta anche a tavola, in abbinamento a sapori ricchi e corposi.

Visconti – Rosso di Montalcino Doc

Restiamo in Toscana per goderci questo rosso dai toni brillanti. Morbida presenza di tannini e buona acidità sono caratteristiche che donano a questo vino delicatezza ma, al tempo stesso, lunga persistenza. Ottimo rapporto qualità – prezzo, perfetto per le occasioni speciali.

Tenuta Casaletti – Valpolicella Superiore Doc

Cercavamo un rosso della Valpolicella e ci siamo imbattuti in questa impareggiabile etichetta dalla storica Tenuta Casaletti. Rosso nobile, di grande struttura, di grande effetto al palato.

Un prodotto superato solo dalla magnificenza del Soave Doc e, soprattutto, dell’Amarone prodotti dalla stessa azienda, ma che compete a testa alta con gli altri grandi vini del territorio.

Provali tutti con il Social Club di Esploravino!

Il Social Club di Esploravino funziona come un vero e proprio gruppo d’acquisto per vini di qualità: ti iscrivi e ricevi ogni mese nuove etichette da provare al miglior prezzo sul mercato, senza nessun costo fisso e senza obbligo d’acquisto.

Un canale riservato agli amanti del buon vino, per scoprire ogni mese nuovi prodotti italiani e internazionali, selezionati dai nostri sommelier.

Con il Social Club di Esploravino hai l’occasione di creare una cantina da veri intenditori direttamente a casa tua e di accedere alle degustazioni, ai masterclass e a tutti gli altri eventi organizzati con i nostri partner.

1 2 3 4 5 6 7 10 11
Impostazioni sulla privacy
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza mentre utilizzi il nostro sito web. Se stai utilizzando i nostri Servizi tramite un browser, puoi limitare, bloccare o rimuovere i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser web. Usiamo anche contenuti e script di terze parti che possono utilizzare le tecnologie di tracciamento. È possibile fornire in modo selettivo il proprio consenso di seguito per consentire tali incorporamenti di terze parti. Per informazioni complete sui cookie che utilizziamo, i dati che raccogliamo e su come li elaboriamo, si prega di consultare il nostro Privacy Policy
Youtube
Consenso per visualizzare il contenuto da - Youtube
Vimeo
Consenso per visualizzare il contenuto da - Vimeo
Google Maps
Consenso per visualizzare il contenuto da - Google
Spotify
Consenso per visualizzare il contenuto da - Spotify
Sound Cloud
Consenso per visualizzare il contenuto da - Sound
Cart Overview