★ Sei un wine lover? Entra nel Social Club

servire vino ristorante

La figura del sommelier al ristorante è quasi esclusivamente associata a locali di livello decisamente alto. Questo non solo per una questione di immagine ma, diciamocelo pure, anche (e soprattutto) economica. Il sommelier ha un costo, perché è un professionista e la professionalità si paga.

La sua presenza può fare la differenza? Certo.
È indispensabile? No, o meglio, non sempre.

Al di là dell’investimento, molto dipende dal tipo di attività. Un sommelier non è una prerogativa esclusiva di locali con una accurata selezione di vini (che dovrebbe essere presente in ogni caso), quanto più il modo migliore per valorizzarli. Eppure, anche in ambienti piuttosto “alti” l’impiego di questa figura è ancora ampiamente dibattuta. Ha fatto molto discutere, per esempio, la scelta del ristorante newyorkese “Italienne” di inserire un responsabile dei vini in sala.

Il motivo è presto detto: tra i clienti, c’è chi lo preferisce e chi no.

Affidarsi ad un esperto per scegliere il vino da ordinare non è un’opzione sempre gradita. Se il cliente vuol fare da sé, anche col rischio di non scegliere l’etichetta migliore per il piatto ordinato, è giusto lasciare questa libertà. Se stai pensando di assumere un sommelier per valorizzare i vini del tuo locale, ecco qualche consiglio utile per iniziare ad orientarti.

Cosa fa un sommelier: mansioni, do’s & don’t

Un sommelier non “serve il vino”, lo “consiglia”. La differenza tra le due pratiche è sostanziale e qualunque professionista potrà confermartelo. Se un responsabile dei vini è anche impiegato in altre mansioni di sala, magari per impegnare i tempi morti, come spesso accade, è molto probabile che si trasformi in poco tempo in un semplice cameriere.

Questo perché il lavoro di un sommelier è prima di tutto un’efficace azione di storytelling. E questa pratica necessita di tempo. Per svolgere al meglio il suo lavoro gli sarà indispensabile acquisire confidenza, fiducia e empatia con il cliente. Qualità non comuni ma allo stesso tempo fondamentali, che ci portano direttamente al punto successivo.

Un sommelier non è, solo, un esperto di vini

Sei indeciso tra due potenziali candidati: un sommelier molto esperto ma allo stesso tempo borioso e poco empatico, un altro meno preparto ma sorridente e in grado di conquistare il pubblico.

Quale dei due sceglierai?

Non esiste una risposta giusta, ma la simpatia (intesa nell’originale accezione di “sympatheia”, ossia “condividere emozioni”) è senza dubbio aspetto essenziale per fare questo lavoro. La degustazione di un vino fa, sì, leva su aspetti sensoriali come vista, olfatto e gusto, ma passa anche attraverso la suggestione dettata dalle proprie emozioni.

Per questo, un vino ben “raccontato”, di cui conosciamo la storia, le tecniche di produzione e le qualità organolettiche, ci appare più gradevole. E, se il sommelier è entrato nelle nostre grazie, questo processo è sicuramente agevolato.

Strumenti del sommelier: dotazione da ristorante

Per svolgere la sua mansione, il sommelier ha a disposizione una serie di strumenti che comprendono il suo kit di lavoro:

  • cavatappi;
  • termometro;
  • tappo stopper;
  • secchiello e glacette per mantenere le bottiglie alla giusta temperatura;
  • decanter;
  • candela per esame visivo del vino;
  • bicchiere da assaggio;
  • salvagoccia;
  • carrello per il servizio.

Naturalmente, oltre a consigliare il vino ideale da abbinare ai piatti scelti, il sommelier provvede all’assaggio del prodotto, al fine di assicurarsi che sia tutto in regola.

Last but not least: quanto guadagna un sommelier?

Il costo medio in Italia di un sommelier è di circa 34.000 euro lordi annui. Una media di 1.800 euro al mese che varia a seconda dell’esperienza, del livello del ristorante e della formazione del candidato.

Se vuoi farti un’idea, ecco i migliori corsi per diventare sommelier in Italia.

Se non cerchi un sommelier, scegli la migliore consulenza per i tuoi vini

Oltre ad un servizio di distribuzione vini in conto vendita, con possibilità di reso sempre gratuita, Esploravino offre ai suoi clienti un servizio di consulenza specializzato, per selezionare le migliori etichette da abbinare al menù del ristorante.

I nostri agenti sono professionisti enoici con grande esperienza nel settore, in grado di guidare il cliente nella scelta dei prodotti di tendenza e più in linea con la filosofia del locale. Scopri subito il nostro catalogo, comprensivo di birre di importazione, e scrivici per richiedere senza impegno una prima consulenza per il tuo locale!

Ti piace questo blog?

Non perdere neppure un articolo! Iscriviti alla newsletter e troverai nella tua email, ogni 30 giorni, tutti i nuovi articoli. Niente robaccia, promesso!

Ho letto e accetto la privacy policy

Okay, odiamo anche noi lo spam. Per questo la tua email non sarà condivisa con terze parti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Impostazioni sulla privacy
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza mentre utilizzi il nostro sito web. Se stai utilizzando i nostri Servizi tramite un browser, puoi limitare, bloccare o rimuovere i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser web. Usiamo anche contenuti e script di terze parti che possono utilizzare le tecnologie di tracciamento. È possibile fornire in modo selettivo il proprio consenso di seguito per consentire tali incorporamenti di terze parti. Per informazioni complete sui cookie che utilizziamo, i dati che raccogliamo e su come li elaboriamo, si prega di consultare il nostro Privacy Policy
Youtube
Consenso per visualizzare il contenuto da - Youtube
Vimeo
Consenso per visualizzare il contenuto da - Vimeo
Google Maps
Consenso per visualizzare il contenuto da - Google
Spotify
Consenso per visualizzare il contenuto da - Spotify
Sound Cloud
Consenso per visualizzare il contenuto da - Sound