★ Sei un wine lover? Entra nel Social Club

fornitori ristoranti

Il vino rappresenta ogni mese circa il 30% degli introiti (o dei mancati introiti) di un ristorante. Percentuali che, ovviamente, salgono quando si tratta di enoteche, bar o altre attività di somministrazione.

Appare quindi subito lampante come al vino sia delegata una parte importante per chi opera in questo settore, che è quindi fondamentale gestire in modo intelligente, anche selezionando i giusti fornitori. Vediamo perché.

Nella ristorazione, la percentuale non è tutto

In alcuni settori, la marginalità rappresenta l’aspetto essenziale. Chi opera nella ristorazione sa che in questo settore non è così. O meglio, food cost e wine cost rivestono un ruolo fondamentale, ma non il solo.

Somministrare cibo e bevande significa trasmettere emozioni, condividere una filosofia, far vivere un’esperienza. Certo, è ciò che facciamo per vivere e saremmo ipocriti se dicessimo che non è anche una questione di soldi. Ma non crediamo esista uno/a chef o titolare di attività che faccia questo lavoro solo per l’aspetto remunerativo. Questo lavoro si fa – anche – con passione, altrimenti semplicemente si chiude.

Se fosse, quindi, solo una questione di margine sulle vendite basterebbe arrotondare qui e la per incrementarle. Ma nessun ristoratore, o meglio, nessuno degno di questo nome, si azzarderebbe ad acquistare vino da discount per venderlo alla mescita nel proprio ristorante a prezzo triplicato o quintuplicato. Questo perché, al di là della possibile attenzione del pubblico, rappresenterebbe un insulto alla sua cucina.

Possiamo, pertanto, tranquillamente ammettere che, no: non è solo una questione di soldi.

Il ristorante funziona anche se ha buoni fornitori

E questo dobbiamo dirlo nero su bianco. Proprio come spesso il pubblico degli stadi viene definito “il dodicesimo uomo in campo”, perché in grado con la sua energia di motivare i giocatori, i fornitori rappresentano per un ristorante molto più che dei semplici fattorini di materie prime.

Il mondo della ristorazione è cambiato, prima, dopo e durante il Covid. E continuerà a farlo, in modo sempre più veloce, sempre più imprevedibile. È parte della sua natura, di un settore fatto di trend che oggi, grazie a internet, viaggiano su scala globale, affermandosi e mutando molto più rapidamente e profondamente rispetto al passato.

In quest’ottica, il fornitore costituisce un alleato importante del ristoratore in quanto, se quest’ultimo è sicuramente più adatto a raccogliere gli umori del pubblico, il primo è invece in grado di intercettare le novità più innovative in arrivo, e quelle destinate ad affermarsi.

Questo vale in particolar modo per le bevande alcoliche e, nella fattispecie, per il vino: un prodotto dagli anni ’80 ad oggi ha contribuito a rivoluzionare la cucina italiana, divenendo a sua volta sinonimo del prestigio enogastronomico che il resto del mondo riconosce al Bel Paese. Ma il vino, proprio come la ristorazione, muta incontrando ora i favori del pubblico, ora la sua indole ribelle.

Non a caso, negli ultimi anni, abbiamo visto una sempre crescente diffusione di vini biologici o biodinamici (+12% nell’ultimo anno in Italia), a fronte di un maggiore interesse del pubblico verso le tematiche ambientali. O di vini e abbinamenti fuori dagli schemi, come quelli vulcanici, arancioni o i tasting a base di vino e cioccolata.

Per questo, costruire una carta dei vini basata esclusivamente su proposte territoriali, anche se di buona bevibilità, significa non essere al passo con i tempi, ossia perdere soldi. Il vino è ormai un prodotto globale e il pubblico è sempre più alfabetizzato e interessato a saggiare nuovi sapori, senza rinunciare a quelli tradizionali.

Un buon fornitore lo sa e affianca il ristoratore nella costruzione di una carta dei vini che fa vendere, dove il buon equilibrio tra etichette innovative e tradizionali è anche perfettamente abbinato alle diverse proposte nel menù del locale. Va da sé che il fornitore di vini di un ristorante non può essere un semplice corriere che, una volta scaricata la merce ordinata dal cliente, chiede il saldo e va via, ma un vero e proprio consulente e collaboratore del locale, capace di lavorare in sinergia con esso.

Se stai cercando un fornitore per il tuo ristorante, prova Esploravino!

Esploravino è l’innovativo servizio di distribuzione vini per privati e professionisti della ristorazione / somministrazione che ti garantisce sempre le migliori etichette italiane e al prezzo più concorrenziale sul mercato!

Il nostro staff è costituito da professionisti del vino e sommelier, con competenze specifiche del prodotto e grande interesse nel collaborare con attività di somministrazione e ristorazione per la selezione di etichette perfettamente in linea con le esigenze del locale.

Non chiediamo l’esclusiva e siamo in grado di offrirti vantaggi contrattuali senza precedenti!

Scopri i nostri servizi di distribuzione vini in conto vendita per il settore Horeca, con possibilità di reso gratuito di invenduti senza condizioni. Contattaci oggi per richiedere la visita di un nostro referente nella tua zona!

Ti piace questo blog?

Non perdere neppure un articolo! Iscriviti alla newsletter e troverai nella tua email, ogni 30 giorni, tutti i nuovi articoli. Niente robaccia, promesso!

Ho letto e accetto la privacy policy

Okay, odiamo anche noi lo spam. Per questo la tua email non sarà condivisa con terze parti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Impostazioni sulla privacy
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza mentre utilizzi il nostro sito web. Se stai utilizzando i nostri Servizi tramite un browser, puoi limitare, bloccare o rimuovere i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser web. Usiamo anche contenuti e script di terze parti che possono utilizzare le tecnologie di tracciamento. È possibile fornire in modo selettivo il proprio consenso di seguito per consentire tali incorporamenti di terze parti. Per informazioni complete sui cookie che utilizziamo, i dati che raccogliamo e su come li elaboriamo, si prega di consultare il nostro Privacy Policy
Youtube
Consenso per visualizzare il contenuto da - Youtube
Vimeo
Consenso per visualizzare il contenuto da - Vimeo
Google Maps
Consenso per visualizzare il contenuto da - Google
Spotify
Consenso per visualizzare il contenuto da - Spotify
Sound Cloud
Consenso per visualizzare il contenuto da - Sound